Questo sito utilizza i Cookies Tecnici per migliorare e sviluppare il servizio per gli utenti e cookie di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più su come utilizziamo i cookies e come si possono controllare, leggi la nostra Privacy Policy/Dichiarazione sui Cookies.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Accetto


Mura di Antonio da Sangallo
Mura di Antonio da Sangallo
Mura di Antonio da Sangallo
Mura di Antonio da Sangallo

Mura di Antonio da Sangallo

Civitavecchia / RM

Monumenti
Dopo le scorrerie saracene del IX secolo e fino alla prima metà del XV secolo, il porto di Civitavecchia è stato un modesto approdo protetto da una fortezza (la rocca), conteso da feudatari e comuni della zona. Cominciò ad avere maggior importanza quando, nel 1431, fu conquistato dalle truppe papali e annesso allo Stato Pontificio. Ulteriore importanza fu acquisita dal porto quando nel 1461 furono scoperte nel territorio di Tolfa le cave d'allume più importanti d'Europa. Fino ad allora l'abitato di Civitavecchia era circondato da un trapezio di mura che dalla rocca, situata alle spalle del porto, saliva sino al centro della cittadina, comprendendo l'antica chiesa della Morte e quella della Stella, e riscendendo poi verso il porto. Nelle mura erano innestate torri, alcune delle quali sono ancora visibili.
Le mura furono restaurate più volte ma solo sotto il pontificato di Leone X cominciarono i lavori della cinta bastionata, a difesa della città. La costruzione fu intrapresa dall'architetto Antonio da Sangallo intorno al 1515; il progetto prevedeva di fortificare la darsena del porto già esistente e di edificare delle mura in grado di resistere agli attacchi della moderna artiglieria, pertanto fu adottato un sistema a "doppi fianchi", che fu successivamente esportato in tutta Europa per la costruzione di tutte le piazzeforti. I lavori della cinta muraria si coclusero solo nel 1554, sotto il pontificato di Giulio III.
Oggi, ciò che resta visibile delle mura è per la maggior parte all'interno del porto, accanto alla Rocca e alla darsena romana.

Come Arrivare

Autostrada A12: uscita Civitavecchia Sud. Proseguire dritti su S.S.1 Via Aurelia in direzione Civitavecchia, fino al  centro città. Giungere nei pressi di Piazza Calamatta e proseguire a piedi dentro al porto, passando da Porta Livorno.
Calata della Rocca, 00053 Civitavecchia RM, Italia