Questo sito utilizza i Cookies Tecnici per migliorare e sviluppare il servizio per gli utenti e cookie di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più su come utilizziamo i cookies e come si possono controllare, leggi la nostra Privacy Policy/Dichiarazione sui Cookies.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Accetto


Forte Michelangelo
Forte Michelangelo
Forte Michelangelo

Forte Michelangelo

Civitavecchia / RM

Monumenti
Sito all'interno del porto di Civitavecchia, il Forte è la più grande fortezza militare del litorale laziale. A partire dal XV secolo, fu Papa Giulio II a commissionare all'architetto Bramante la costruzione di un avamposto di difesa nel porto, che proteggesse l'area portuale stessa e la città dalle incursioni dei pirati; ne è testimonianza, sul torrione di levante, lo stemma papale, un albero di rovere, che simboleggia il luogo dove venne posata e benedetta la prima pietra, nel 1508. I lavori furono portati avanti dagli allievi del Bramante, tra cui il giovane Antonio da Sangallo, e la fortezza fu terminata nel 1535 sotto il pontificato di Papa Paolo III Farnese; probabilmente la costruzione del Maschio (o Mastio, la torre principale) fu affidata all'artista Michelangelo, al quale si deve il nome del forte.
La fortezza sorge su un preesistente edificio romano, di età imperiale, molto grande, ed ha forma di quadrilatero, protetta agli angoli da quattro torrioni cilindrici e dal maschio ottagonale che guarda verso il porto. Le quattro torri, chiamate San Paolo (sud-est), San Pietro (sud-ovest), San Romolo (nord-ovest) e San Giulio (nord-est) sono rispettivamente conosciute anche con il nome di San Colombano, Santa Ferma, San Sebastiano e San Giovanni. Nei pressi dell'antico ingresso, che si apriva tra il Maschio e la torre di ponente, è visibile ancora la carrucola di bronzo che serviva per abbassare ed alzare il ponte levatoio e leggere l’ordine scolpito sugli stipiti: "lasciate l’arme".
Nel torrione di Santa Ferma, c'è una piccola cappella in onore di Santa Fermina, Patrona della città. La cappella si trova nel luogo dove la santa avrebbe trovato rifugio all'interno di una grotta.
L'edificio, essendo sede della Capitaneria di Porto, è visitabile solo dall'esterno ed è circondato da un percorso pedonale, con aiuole e specchi d'acqua che rendono la passeggiata molto suggestiva.

Come Arrivare

Autostrada A12: uscita Civitavecchia Sud. Proseguire dritti su S.S. 1 Via Aurelia in direzione Civitavecchia, fino al centro città. In prossimità del porto, è possibile parcheggiare la macchina e proseguire a piedi all'interno del porto, scendendo dalla Calata Cesare Laurenti.
Calata Cesare Laurenti, 5, 00053 Civitavecchia RM, Italia